The Heroes di Joe Abercrombie



Contenuti in questo articolo:
  1. Prime impressioni su The Heroes

A breve verrà pubblicato il nuovo libro di Joe Abercrombie. La Gargoyle ha infatti annunciato che pubblicherà The Heroes il 25 ottobre. Al libro seguiranno anche i volumi precedenti dell’autore di epic-fantasy, finora inediti in italiano.

Raccontano che Nero abbia ucciso più uomini che l’inverno, e si sia
fatto strada per conquistare il trono del Nord su un cumulo di teschi.
Raccontano che il Re dell’Alleanza non se ne sia rimasto a guardare
sorridendo mentre l’altro avanzava con furia crescente. Gli ordini
sono stati dati e gli eserciti dei due opposti schieramenti sono alle
prese con le terre fangose del Nord. È verso una collina dimenticata
da tutti, conosciuta come Gli Eroi, che stanno convergendo migliaia
di soldati. Con loro hanno un sacco di metallo affilato…
Tre sanguinosi giorni di battaglia decideranno il destino del Nord. Intrighi, debolezze, ostilità
e meschine gelosie piagheranno gli eserciti nemici – da una parte l’irreggimentata Alleanza,
e dall’altra gli astuti guerrieri del Nord – sfiancandoli ogni giorno di più, ed è improbabile
che, alla fine, saranno i cuori più nobili e le armi più potenti a prevalere.

Prime impressioni su The Heroes

Dopo aver letto i primi capitoli della versione originale, risulta chiaro quanto the heroesAbercrombie si discosti sia da Tolkien che da Martin. Questo, nonostante i paragoni spesso finalizzati solo a pompare le vendite. Il giovane autore è ironico dove Martin è malinconico e dove Tolkien è nostalgico e romantico. Personalmente, trovo che l’atteggiamento cinico del narratore non faciliti l’identificazione coi personaggi che, però —  va detto — sono spesso ottimamente caratterizzati. Tutti sono diversamente incompetenti, salvo rari casi; un elemento che sicuramente strizza l’occhio allo spirito dei tempi, ma che non incontrerà il favore di tutti gli appassionati. Dimenticatevi insomma le battaglie epiche, ma anche quelle realistiche. L’intento dello scrittore, se c’è, è quello di togliere ogni fascino all’eroismo (a cui il titolo si riferisce). Certo, questo elemento potrebbe ricordare Martin, ma gli esiti della caratterizzazione dei personaggi qui sono molto più comici, quasi caricaturali,  scelta che non rappresenta per forza un difetto, ma che potrebbe comunque dispiacere ai più “romantici”.

La scrittura di Joe Abercrombie è poi agile come al solito, soprattutto nella descrizione delle battaglie e degli scontri, molto dettagliati e ben documentati. L’unico elemento che stride un po’ è il modo di trattare tattica e  strategia (che essendo un romanzo di guerra, pesa molto).  Il confronto tra i due eserciti ricorda molto più il modo di fare guerra rinascimentale che quello medievale, con l’esercito dell’unione fortemente gerarchizzato e centralizzato e non su base feudale (come nell’immaginario medievale che un po’ tutti, a torto o a ragione, condividiamo). In attesa dell’uscita, per chi volesse farsi un’idea delle opere precedenti di Joe Abercrombie, proprio oggi è stata pubblicata un’interessante recensione dell’ultimo capitolo della trilogia The First Law.

 

Per maggiori informazioni: 

http://www.joeabercrombie.com/

http://www.gargoylebooks.it/

 

About G.V. Falconieri

Blogger, scrittore; recensisco film e libri su siti e portali in giro per il web. Mi interesso di letteratura di genere, #ebook #fantasy #cinema. Amministro il sito "La foresta dei sussurri".Se volete sapere altro, scrivete qui Il mio profilo su Google+